MASCHERINE – TIPOLOGIE E POTERE FILTRANTE: FACCIAMO CHIAREZZA

mascherine tipologie e utilizzo

La fase 2 è ormai alle porte, e per molti si apre la possibilità di uscire finalmente di casa, se non altro, per recarsi sul luogo di lavoro.

Per contenere il contagio, secondo le regole ormai vigenti già da diverse settimane, continuerà ad essere obbligatorio l’uso dei cosiddetti “dispositivi di protezione individuale”.

Ma cosa sono, nello specifico, i dispositivi di protezione individuale?

I Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) sono tutti quegli strumenti che, se indossati adeguatamente, servono per proteggere l’individuo da rischi per la sua salute e la sua sicurezza.

Fanno parte di questa categoria occhiali protettivi, scarpe antinfortunistiche, guanti e le ormai famose mascherine.

E proprio di mascherine parleremo oggi.

Esistono in commercio diversi tipi di mascherine, che variano a seconda del materiale con cui sono realizzate e vari ed eventuali optional che ne modificano il potere filtrante.

Analizziamo i principali tipi di mascherine attualmente in circolazione:

MASCHERINA CHIRURGICA

La mascherina chirurgica è prodotta utilizzando strati di tessuto non tessuto (TNT), costituito da fibre sovrapposte di poliestere o polipropilene.

Presenta due fettucce che rendono possibile il fissaggio dietro la nuca o dietro le orecchie a seconda del modello, e non aderisce perfettamente ai contorni del viso.

Nasce come mascherina da sala operatoria, per questo viene usata solitamente dai chirurghi e dal personale sanitario in ospedale.

Impedisce la dispersione delle goccioline di aerosol che normalmente emettiamo parlando, tossendo o starnutendo, ma ha una ridotta capacità di filtraggio verso l’interno.

mascherine chirurgiche
Fonte: corriere.it

In sostanza, protegge gli altri ma non chi la indossa.

La mascherina chirurgica non è lavabile e quindi non è riutilizzabile. Una volta tolta coi dovuti accorgimenti è necessario gettarla nell’indifferenziato stando ben attenti di non toccare la parte esterna della mascherina stessa, in quanto potrebbe essere stata contaminata durante il suo utilizzo.

MASCHERINE FFP1 – FFP2 – FFP3 SENZA VALVOLA

Sono prodotte mediante strati sovrapposti di tessuto non tessuto (TNT) con proprietà filtranti e funzionalità diverse.

Nascono come DPI salvavita sui luoghi di lavoro, quindi sono dotate di un potere filtrante molto elevato (superiore al 95%), sia per quanto riguarda l’aria in entrata che quella in uscita.

Protegge sia gli altri, sia chi la indossa.

Lo strato esterno della mascherina blocca le particelle di dimensioni maggiori, mentre lo strato intermedio filtra quelle più piccole. Lo strato interno a contatto con la pelle del viso ha la funzione di proteggere gli altri due strati dall’umidità prodotta dalla bocca e dal naso e dalle goccioline di muco che vengono espulse durante la conversazione o starnuti.

mascherine ffp1-2-3 senza valvola
Fonte: corriere.it

Le mascherine in TNT senza valvola sono generalmente ben tollerate da chi le indossa, in quanto hanno comunque un potere traspirante (seppur ridotto per la funzione della mascherina stessa), e non sono necessariamente usa e getta.

Si possono infatti riutilizzare previo lavaggio almeno a 60°, oppure a mano con l’aggiunta di un additivo disinfettante (Amuchina, Napisan o altro). Non vanno stirate né asciugate in asciugatrice, per non compromettere il potere filtrante del tessuto non tessuto con cui sono realizzate.

MASCHERINE FFP1 – FFP2 – FFP3 CON VALVOLA

mascherine ffp1-2-3 con valvola
Fonte: corriere.it

Hanno le stesse caratteristiche di fabbricazione delle FFP FFP2 – FFP3 viste fin qui, ma in più sono dotate di una valvola per il filtraggio dell’aria in entrata.

Ciò significa che proteggono chi le indossa ma non gli altri, in quanto il potere filtrante in uscita si attesta intono al 20%. Per questo non è consigliato l’uso alla popolazione generale, in quanto le persone potenzialmente infette (anche asintomatiche) potrebbero trasmettere il virus ad altri.

Ricordiamoci che la mascherina, per quanto indispensabile, non costituisce comunque la panacea di tutti i mali: il distanziamento sociale e il rispetto di tutte le norme di sicurezza rimangono l’unica soluzione per contenere il virus e porre fine il prima possibile alla pandemia.

Solo così potremo ritornare presto tutti alla normalità.

Valentino Orlandi

Fonte per le infografiche: corriere.it

LE NOSTRE MASCHERINE FILTRANTI

Le mascherine Valentino Orlandi sono mascherine ad uso civile in TNT senza valvola, conformi al Decreto Legge 17 Marzo 2020, n.18, art16, comma 2 in attesa della certificazione ufficiale. Sono lavabili, sterilizzabili e riutilizzabili fino a un massimo di 10 volte.